STORIA DI ORDINARIA INGIUSTIZIA

La storia assurda del Maresciallo Lo Zito è in continua evoluzione e si cerca di aggiornarla continuamente.. i Provvedimenti dciplinari aumentano così come i Trasferimenti.. Il Blog contiene numerosissimi articoli e documenti scaricabili a prova dei fatti che vengono denunciati.. basta sfogliare le numerose pagine per rendersi cono...
BUONA LETTURA

giovedì 20 agosto 2009

Storia di Ordinaria Ingiustizia.....

Il M.llo capo Vincenzo Lo Zito, è un dipendente della Croce Rossa Italiana Corpo Militare, ed era in servizio presso il Comitato Regionale Abruzzo dell’Aquila con incarico di Funzionario Amministrativo. fino al secondo 2° TRASFERIMENTO D'AUTORITA' avvenuto in data 11 Agosto 2008. L’aver presentato dopo che i vertici della Croce Rossa Informati dei fatti tacevano.... regolari segnalazioni e denunce alla Procura della Repubblica de L’Aquila prima e Campobasso poi, alla Corte dei Conti regionale de L’Aquila ed a quella generale di Roma, su presunte irregolarità amministrativo-contabile, rilevate all’interno del Comitato Locale di Carsoli (AQ) prima e del Comitato Regionale Abruzzo de L’Aquila in ultimo, irregolarità commesse da parte dei rispettivi Presidenti :

Presso il Comitato Locale della Croce Rossa Italiana di Carsoli (AQ)

dove il Maresciallo Lo Zito era impiegato, il Presidente retribuisce illecitamente una Volontaria del Soccorso con un contratto di collaborazione la quale svolgeva anche la mansione di Responsabile Amministrativo avendo la gestione unitamente al Presidente, del Conto Corrente della Unità Locale, nonostante i regolamenti vietano nel modo più assoluto che il volontario venga retribuito e questo compito che doveva essere svolto dal sottoscritto che non sarebbe costato nulla all’amministrazione in quanto strutturato dall’ente, però per avvantaggiare la volontaria il denunciante viene Trasferito d’Autorità, con una indennità di trasferimento pari a circa 14.000 euro.

Presso il Comitato Regionale Abruzzo della Croce Rossa Italiana, de L’Aquila

dove la sig.ra Maria Teresa Letta, sorella di Gianni Letta, è Presidente Regionale, (ora Commissario) e nella stessa struttura vi sono anche , un Direttore Regionale e dei dipendenti livello B, e il Maresciallo Capo Vincenzo Lo Zito Funzionario Amministrativo livello C2. L’anomalia riscontrata dallo stesso Maresciallo risulta essere che l’Amministrazione totale del Comitato Locale Abruzzo venisse svolta illecitamente e senza averne titolo alcuno, dalla Presidente Maria Teresa Letta la quale firmava Mandati di pagamento e quant’altro e avendo anche due conti correnti, uno del Comitato Locale di Avezzano e uno del Comitato Regionale Abruzzo gestiti autonomamente da Lei a sua firma, presso la Banca Toscana situata ad Avezzano (AQ) sua città di residenza…, e nemmeno a L’Aquila dove è la sede del Comitato Regionale Abruzzo, contrariamente a tutti i regolamenti di amministrazione i quali sanciscono che tali compiti spettino solo ed esclusivamente al Direttore Regionale. Anche lo stesso Direttore, aveva più volte lamentato l'anomalia gestionale e le irregolarità sia alla Banca dove era depositato il C/C del Comitato Regionale Abruzzo, che alla sede centrale della Croce Rossa Italiana, ma la Presidentessa ha continuato a firmare autonomamente e unitamente a una dipendente a tempo determinato, i Mandati di pagamento e le Reversali d'incasso . Venivano firmati da entrambe le signore, una come Presidente, (figura non deputata a tale compito), l'altra come Responsabile Amministrativo (impossibile..), violando due principi essenziali, il primo, che il Direttore Regionale era presente in sede e titolare unico a svolgere l'amministreazione, il secondo, che la signora firmava non avendo il requisito in quanto precaria e nonostante che in sede fossero presenti dipendenti a tempo indeterminato di cui uno Funzionario di Amministrazione deputato a tale compito . La cosa grave è che oltre a questi evidenti abusi, nei confronti del Maresciallo Lo Zito, è stata attuata una vera e propria “guerra”: per aver più volte denunciato i fatti e aver tentato di garantire una corretta amministrazione del denaro pubblico. Dopo le numerose denunce presentate, si riesce ad ottenere una ispezione Amministrativa da parte dei Revisori dei Conti che il 14 marzo 2008 effettuano presso la sede regionale della Croce Rossa. Gunti all'ora di pranzo gli ispettori interrompono la verifica invitati a pranzo dalla stessa Presidente Letta autrice degli illeciti denunciati e al ritorno vanno via immediatamente senza terminare il controllo. Non avendo più notizie degli ispettori della Corte dei Conti dopo molto tempo denuncio alla magistratura l'operato e il comportamento degli stessi ispettori e per tutta risposta ricevo una querela per Calunnia dagli stessi Ispettori che mi vede imputato in un processo penale il giorno 23 giugno 2010... e le mie denuunce sul loro operato?

E’ stato trasferito due volte su indicazione della stessa Presidentessa Regionale, Maria Teresa Letta, la quale addirittura come motivazione ultima, adduce al fatto, che il Maresciallo Lo Zito le impedisce di svolgere il suo lavoro (illegale) e pertanto ne chiede il trasferimento immediato per " INCOMPATIBILITA’ AMBIENTALE " cosi si legge sull’ennesimo provvedimento del 11 Agosto 2008 e questa volta addirittura fuori Regione e precisamente all' Ufficio Arruolamento e Addestramento di ASSISI (PG), in Umbria . Tutto questo oltre al notevole disagio creato per gli spostamenti, anche in seguito al recente e delicato intervento cardiaco cui sono stato sottoposto con l’applicazione di tre bypass, questo comporterebbe altro sperpero di denaro pubblico per pagare la mia indennità di trasferimento obbligatoria che ammonta ad oltre 14.000 euro. Per l’apertura del Centro di Assisi è stato trasferito anche d’Autorità del personale militare che ha percepito regolare indennità di trasferimento, nonostante fossero inutili come evidenziato anche dall’indagine svolta dal “Corriere della Sera", nel Centro di Assisi (Perugia), vengono assegnati da Roma i militari Ten. Col. Reali Antonello e Mar. Muto Silvio, che percepiscono regolare indennità di circa 16.000 euro per l’ufficiale e 14.000 per il sottufficiale, mentre il sottoscritto Maresciallo Capo Vincenzo Lo Zito viene trasferito con tanto di oneri in una sede che risulta oltre che inutile, con spazi ridottissimi a disposizione per lavorare e cosa importantissima da evidenziare, nonostante ci sia una copiosa certificazione sanitaria, che mi vieta nel modo più assoluto di allontanarmi dalla mia residenza e raggiungere una destinazione così lontana, come riportato nel verbale della commissione Medica del IX Centro di Mobilitazione di Roma in data 29 settembre 09 con Verbale ML/ID/CRI n° 7/B, mi ha reso idoneo ai soli servizi territoriali se svolti nell’ambito della propria residenza con esclusione dai servizi gravosi e di guida permanentemente. Inoltre l’eventuale movimentazione comporterà la sospensione del trattamento riabilitativo e il degenerare della patologia cardiaca sottoponendo lo stesso a notevole stress psico-fisico e non rispettare le norme prescritte di alimentazione e riposo. Inoltre e stranamente dal 29 settembre e senza alcuna motivazione il Maresciallo Lo Zito Vincenzo è tenuto a casa senza nessuna motivazione in quanto seguendo le linee dettate dal verbale della Commissione Medica che ribalta il provvedimento di trasferimento lo stesso Maresciallo dovrebbe prendere servizio nello stesso ufficio dove la Presidente Letta amministrava illegalmente anche la struttura Locale di Avezzano, ma la Croce Rossa resta ferma nel suo intento di trasferirmi ad Assisi per seguitare a non farmi vedere quello che succede nella “Gestione Fai Da Te “.

Ultima ciliegina sulla torta che non poteva certo mancare nella ormai dichiarata guerra nei miei confronti per essermi permesso di denunciare il sistema è stata l’Ordinanza Commissariale n° 418/09 del 30/12/2009 nella quale il Commissario Rocca ordina all’Ispettore Nazionale del Corpo Militare di avviare la procedura per un “Provvedimento Disciplinare di Stato” per essermi permesso di rendere pubblici gli illeciti da me rilevati e denunciati… e con l'Ordinanza 091/10 del 05/03/2010 ordina al Nuovo Ispettore del Corpo Militare dato che il primo è stato rimosso, di procedere all'apertura di un secondo Provvedimento Disciplinare di Stato e questa volta per non essermi presentato nella sede di assisi (Diserzione)... Tutto questo a mio avviso PER PROTEGGERE una persona, la quale meriterebbe Lei l'allontanamento o la radiazione dalla Croce Rossa Italiana, ma questo non è possibile dato che si tratta di una persona molto influente........... è la SORELLA di Gianni Letta......

36 commenti:

  1. Complimenti per il blog!
    Ti abbraccio
    Ornella

    RispondiElimina
  2. daniele tosoni22 agosto 2009 17:15

    continua questa guerra , io sono al tuo fianco....distruggiamoli prima che distruggano cio' che ci appartiene.....ovvero la croce rossa.
    ciao vincenzo

    RispondiElimina
  3. Grazie della vostra solidarietà e con la vostra attenzione e disponibilità a divulgare questo schifo.. spero di riuscire ad ottenere GIUSTIZIA!

    RispondiElimina
  4. Grande Vincenzo, fra poco ti metterò le denunce effettuate da me, cosi vedremo se tengono tutto nascosto.

    RispondiElimina
  5. perfetto... questo dobbiamo fare...... far conoscere la verità e scoprire gli intrallazzi !!

    RispondiElimina
  6. BRAVO VINCENZO, AD ESSERE ONESTI SEMBRA CHE CI CASTIGANO , SONO UN DIPENDENTE PRECARIO DELLACRI DI PG CHIEDIMI L'AMICIZIA SU FACEBOOK PER VEDERE COSA HANNO FATTO QUI'. CIAO FABIO STIVALA

    RispondiElimina
  7. Grazie Fabio... io la mia onesta la sto sbandierando al tutto il mondo come la loro disonestà... mi interessa sapere cosa hanno combinato a Perugia, anche perchè ora almeno sulla carta faccio parte di quella Regione e di quel Comitato.... A tua completa disposizione

    RispondiElimina
  8. Bravo Vincenzo Ti siamo tutti vicini ... purtroppo sono fatti di ordinariamafia mah...

    RispondiElimina
  9. Ma la magistratura che fa? mah.........

    RispondiElimina
  10. bisognerebbe scoperchiare tutte le pentolacce d'Italia. Ce ne sono alcune che ormai puzzano!

    RispondiElimina
  11. io come molte altre persone ho fatto una donazione alla CRI fiducioso che questi soldi fossero serviti alla ricostruzione, senza sprechi.
    A questo punto vorrei chiedere a tutti quelli come me che in buona fede ci hanno creduto di intentare una Class Action contro la CRI, chiedere i soldi indietro e i danni morali.Questi soldi verranno subito devoluti alla POPOLAZIONE dell'Abruzzo colpite dal Sisma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stanno nelle tasche di chi amministra in CRI!
      per fortuna qualcuno è stato indagato........

      Elimina
  12. SALVE e piacere di sapere che ci sono ancora tante persone oneste in questa italia di opportunisti e non vado oltre..! comunque il pensiero mi dice sempre che se succedono delle calamita' di non inviare soldi dove ci sono associazioni che non si sa da chi sono gestite. dipendesse da me abolirei tutti questi comitati regionali ..e sopratutto dirigenti e quant'altro che a quanto pare sono solo un'opportunita' per fregare soldi..!..ma penso anche che oggi non se ne puo' piu' di tutte queste vergogne..! per cui e' tempo di urlare la verita^..grazie per la sua onesta'.! Buon lavoro e cordiali saluti..!

    RispondiElimina
  13. Che peccato che succedano queste terribili cose... un augurio a che la verità si faccia con forza spazio!

    non molli!

    con affetto Alessandro!
    un abruzzese

    e comunque grazie per il tempo dedicatoci!

    RispondiElimina
  14. i soldi alla cri non arrivano solo dalle donazioni, state tranquilli.
    la cri fa parecchi servizi di trasporto infermi ecc. non approfittate subito per riprendervi i soldi delle donazioni.
    se 1 è disonesto, gli altri sono onesti, non crocifiggeteci tutti.
    una vds.

    RispondiElimina
  15. Il massimo rispetto al M.llo Zito essere onesti oggi significa passare guai, mentre i disonesti, vigliacchi, ladri in qualche modo la passano sempre liscia soprattutto i protetti da politici disonesti.

    RispondiElimina
  16. Sig. Lo Zito, io la ringrazio e mi inchino davanti alla sua onesta che tanto manca in Italia, la gentaglia al potere infanga il ns paese da decenni. Con gli ultimi lampanti casi di attentato alla democrazia ed alla giustizia a opera di questo premier che difende il grande numero di criminali che opera sul ns territorio. Se ci fossero più persone come Lei, il ns paese sarebbe un paradiso. Grazie.

    RispondiElimina
  17. hai fatto bene caro vincenzo a denunciare tutto ciò....cmq, premesso che per la CRI militare lavora tanta gente onesta, per il continuo spreco basta vedere la gestione che si sta facendo durante il terremoto in abruzzo, in questo sperpero di soldi spesi, non dimentichiamo di includere anche la Protezione Civile!!!
    Continua così

    RispondiElimina
  18. Aiutiamo in tutti i modi possibili il maresciallo Lo Zito perchè la sua ingiustizia subita non sia protratta ad oltranza. Schieriamoci e siamo solidali con gli oppressi dal sistema corrotto che si appoggia ancora sulla prepotenza degli INTOCCABILI. Terry D'Annunzio

    RispondiElimina
  19. questi politici sono riusciti a sporcare anche la croce rossa....per fortuna in italia resistono ancora delle persone oneste.

    RispondiElimina
  20. questo purtroppo è il paese dei disonesti....secondo me gli onesti dovrebbero andarsene tutti da questa Italia e lasciare i disonesti e i delinquenti che sono tutelati qui a tirarsi i marroni...e poi vediamo cosa fanno!!!!

    RispondiElimina
  21. Sono con lei! continui la sua battaglia.
    Diciamo basta a questa classe dirigente incompetente e ladra!

    RispondiElimina
  22. Maresciallo capo Lo Zito, siamo con lei, auguri di Buon Anno e grazie per quello che fa.
    V.D.S Emanuel Caruso

    RispondiElimina
  23. spero che venga il tempo che ad emergere siano solo gli onesti. Complimenti maresciallo, in un mondo di ladri e farabutti ce ne vorebbero tanti come te.

    RispondiElimina
  24. Grazie maresciallo LO ZITO,grazie per cercare a tutti i costi di fare il suo dovere,Lei è come un raggio di sole in questa tenebrosa Italia opportunista che calpesta ogni giorno i nostri diritti e le più elementari forme di giustizia,GRIDERO'AI SETTE VENTI QUESTO SQUALLIDO EPISODIO!

    RispondiElimina
  25. Esprimendo il mio sostegno al Maresciallo Zito,ma anche a chiunque si unisce,vi incito ha continuare con ostinazione nell"azione di Denuncia,perché sono appunto le persone che pensano di poter utilizzo a loro propio uso e beneficio posizioni in particolra-re in organismi come la Croce Rossa,che devono essere rimosse ed allontanate,nell'interesse della Croce Rossa e della Comunità.
    Bardo Michele

    RispondiElimina
  26. Stanotte ho provato a leggere il blog e sono rimasto esterefatto dalle porcate commesse.
    Le assunzioni Rocca...mbolesche in Sicilia.
    La richiesta di Stefio come "Esperto in Prigionia", ricordiamoci che erano su un taxi quando li hanno catturati, la cosa più demente che potevano fare in Iraq.
    E tutte le porcate fatte dalla Prof.ssa Letta, come da esposizione soddisfacente messa sul blog.
    Non vorrei essere nei tuoi panni ma sono veramente contento di ricevere notizie su FB e di avere la tua amicizia, anche se virtuale.
    Vai Maresciallo gran parte della CRI Friulana è con te, anche se anche qui vengono fatte del percate, non a quei livelli ma si difendono bene.
    E' proprio vero quando arrivi in alto credi di poter fare quel cazzo che vuoi o che vogliono altri.
    Auguri per la tua guarigione e Buon Proseguimento
    Gorby

    RispondiElimina
  27. e' vergognoso disgustoso quanto ho letto oggi, cosa fanno certi schifosi appartenenti all'istituzione croce rossa.
    (il fondatore E.Dunant il grande........) questi vergognosi ke tanto si fregiano di appartener alla gloriosa istituzione cri, devono rilegger studiar i 7 principi fondamentali della cri. son sicuro non li conoscono.

    RispondiElimina
  28. MARESCIALLO, TI SONO VICINO , SARA' UNA DURA BATTAGLIA, SPERO TU NE ESCA VINCITORE PERCHE' IN QUEL CASO ANCHE NOI VINCEREMMO UN PO'.
    AUGURI PER LA TUA SALUTE

    RispondiElimina
  29. Continuiamo a denunciarli ma colpendo duramente con denunce alla procura e diffusione delle informazioni con tutti i mezzi

    RispondiElimina
  30. Riccardo Cappellaro7 maggio 2010 12:48

    Maresciallo, da ex collega non posso che esserle vicino in questa faccenda assolutamente inqualificabile e approvare pienamente il suo comportamento, pienamente condivisibile. Nell'addrestramento ci hanno insegnato ad onorare la Patria, ad amare il Tricolore e a servire lo Stato con grande senso del dovere, Lei è un esempio per tutti coloro che portano e hanno portato le stellette fieramente. Non credo nella giustizia terrena nei confronti di persone del genere, ma spero che un giorno tutto si possa riequilibrare. Le auguro di potersi ristabilire presto con la Sua Salute, che è la cosa più preziosa.
    Sentitamente,

    RispondiElimina
  31. Quante belle parole !!!!!!!!
    quanti di Voi sono scappati al passaggio del maresciallo !!!!!!!!!!!non mi firmo perchè lo sai chi sono

    RispondiElimina
  32. Brutta faccenda, soldi, potere. parentele, clientelismi, penso sia arrivato il momento di fare piazza pulita, mandiamo a casa questi inetti, che si ingrassano alle spalle di noi cittadini, facciamogli provare cosa vuol dire guadargnarsi il pane con il sudore e non il il titolo.................. mandiamoli a casa tutti, senza differenziazione di partito, e ora di finirla di infilare parentele nei posti di comando a noi occorre gente che sappia cosa vuol dire avere problemi per mandare avanti una famiglia. Salutoni Massimo da Milano

    RispondiElimina
  33. La ringrazio per quello che sta facendo per l'Italia. Spero di poter contribuire alla sua causa dando voce alle sue azioni per quanto possibile. La gente deve sapere.

    RispondiElimina
  34. non so in Comitato Centrale che sta succedendo. Sinceramente oggi in CRI si pensa molto di più a fare guerre per salire "al potere" piuttosto che pensare a lavorare. Le persone che lavorano veramente stanno diventando sempre meno.

    Per non parlare del Commissariamento... più che altro la chiamerei Anarchia! Ognuno fa quel che vuole (se ammanigliato politicamente s'intende).

    Sono un volontario in CRI e lavoro per migliorarla.

    RispondiElimina
  35. Nel 2008 quando si è insediato Rocca la prima cosa che ha detto è stata: " per l'Ente Croce Rossa" sarà una lenta eutanasia....... è stato di parola! Precari decimati, sevizi saltati.....
    e in tutto questo lui si diverte a farsi fare determinati servizietti nelle tende dei terremotati dalla sua comcubina ANASTASIA SIENA... video di youtube fino a poco fa disponbile!
    che schifo....!

    RispondiElimina